Servizi - Sociale

Visite: 258

Che cos’è
Sono alloggi di proprietà comunale, gestiti da Casa S.p.a., assegnati in locazione  a nuclei familiari in possesso di particolari requisiti di seguito descritti, sulla base  di  una graduatoria stilata a seguito di bando di concorso pubblico.

Requisiti

  • cittadinanza italiana o comunitaria. I cittadini dei paesi terzi possono partecipare  purché  titolari di permesso di soggiorno U.E per soggiornanti di lungo periodo di validità almeno biennale ed esercizio di una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo,carta di soggiorno permanente per i familiari del cittadino comunitario non avente la cittadinanza di uno stato membro dell’unione europea, status di rifugiato o protezione sussidiaria;
  • residenza anagrafica o sede di attività lavorativa stabile ed esclusiva o principale nell’ambito territoriale del Comune a cui si riferisce il bando.
    • assenza di condanne penali passate in giudicato per delitti non colposi per i quali sia prevista la pena detentiva superiore a cinque anni oppure sia avvenuta l’esecuzione della relativa pena;
  • possesso di un’ ISEE del proprio nucleo familiare non superiore a  € 16,500,00;
  • assenza di titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare ubicato ad una distanza pari o inferiore a 50 km dal Comune;
    • assenza di titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su immobili o quote di essi ubicati su tutto il territorio italiano e all’estero, ivi compresi quelli dove ricorre la situazione di sovraffollamento, il cui valore complessivo sia superiore ad € 25.000,00 che non siano utilizzati per l’attività lavorativa del nucleo richiedente;
  • valore del patrimonio mobiliare non superiore ad € 25.000,00 calcolato applicando al valore del patrimonio mobiliare dichiarato ai fini ISEE, al lordo delle franchigie, la scala di equivalenza;
    • non titolarità di natanti o imbarcazioni a motore o a vela iscritti nei prescritti registri, salvo che costituiscano beni strumentali  aziendali;
    • non titolarità di un autoveicolo immatricolato negli ultimi cinque anni avente potenza superiore a 80 KW (110 CV), fatti salvi gli autoveicoli che costituiscono beni strumentali aziendali;
  • non superamento del limite di € 40.000,00 di patrimonio complessivo, composto dalla somma del patrimonio immobiliare e del patrimonio mobiliare, fermo restando il rispetto dei limiti come fissato ai punti d.2 e e.1;
  • assenza di precedenti assegnazioni in proprietà o con patto di futura vendita di alloggi realizzati con contributi pubblici o finanziamenti agevolati concessi per l’acquisto in qualunque forma dallo Stato, dalla Regione, dagli enti territoriali o da altri enti pubblici, con esclusione dei casi in cui l’alloggio sia inutilizzabile o perito senza dar luogo a risarcimento del danno;
  • assenza di dichiarazione di annullamento  dell'assegnazione o di dichiarazione di decadenza dall'assegnazione di un alloggio ERP per i casi previsti dall’ art. 38 comma 3 lettere b), d), e) e f) della LRT 2/2019, salvo che il debito conseguente a morosità sia stato estinto prima della presentazione della domanda;
  • assenza di attuale occupazione abusiva di alloggi di ERP senza le autorizzazioni previste dalle disposizioni vigenti, nonché di occupazioni non autorizzate nei cinque anni precedenti la presentazione della domanda;

Eventuali eccezioni ai requisiti di cui sopra saranno dettagliatamente indicati nell’avviso pubblico.

Come si ottiene
La domanda per accedere alla graduatoria deve essere presentata al Comune di residenza o al Comune dove si svolge l'attività lavorativa, mediante procedura on line, durante l'apertura del bando.
L’assegnazione dell’alloggio avviene sulla base dello scorrimento della graduatoria, tenuto conto comunque della consistenza del nucleo familiare in rapporto ai vani utili degli alloggi che di volta in volta si renderanno disponibili, non potendo assegnare alloggi sottoutilizzati o in sovraffollamento.

Documenti da presentare
I requisiti per la partecipazione al bando e le condizioni del nucleo che danno titolo all’attribuzione dei punteggi sono attestabili mediante autocertificazione ai sensi del DPR n. 445/2000, dovranno essere allegati invece alla domanda i documenti relativi a situazioni non verificabili d’ufficio dettagliatamente descritti nell’avviso pubblico. Al momento della presentazione della domanda occorre essere  in possesso di un ISEE in corso di validità.                                                        

Costi
Marca da bollo da € 16,00

Torna su