Contenuto principale

Messaggio di avviso

Che cos’è
La possibilità di accedere al microcredito di solidarietà avviene tramite il progetto “Dalla casa alla Cittadinanza” e consiste nell’attivazione di un fondo di solidarietà locale per facilitare l’accesso, il mantenimento dell’alloggio e il miglioramento in genere delle condizioni socio-abitative mediante prestiti di piccola entità.
Questi sono concessi per un tetto massimo di € 2.500 e sono rimborsabili con rate mensili fino 36 mesi.
Vengono  erogati dal soggetto bancario con cui è stipulata la convenzione per la gestione del fondo di garanzia.
Il microcredito può essere richiesto per i motivi sottoelencati:
- Sostegno durante eventuali periodi di inoccupazione o difficoltà economica, che potrebbero portare a morosità nel pagamento dei   canoni di locazione.
- Facilitazione dell'accesso alle abitazioni in affitto fornendo un aiuto nel pagamento dell'anticipo delle mensilità, che talvolta può costituire una seria barriera nel reperimento  dell’alloggio.
- Facilitazione nell’acquisto di arredi e forniture per gli alloggi.
- Facilitazione nel pagamento di utenze arretrate.
- Facilitazione al pagamento di spese per la riqualificazione degli alloggi ed adeguamenti strutturali di modesta entità.

Requisiti
Essere cittadini italiani o stranieri residenti nel Comune di Figline e Incisa Valdarno ed essere in possesso di un ISEE in corso di validità.      

Come si ottiene
Prima della presentazione della domanda è necessario un colloquio con un’Assistente Sociale per l’illustrazione dell’intervento e le modalità di richiesta.

Documenti da presentare
- domanda su modulo predisposto
- documentazione relativa ai redditi attuali del richiedente e dei componenti il nucleo familiare
- documentazione relativa alle spese per le quali è richiesto il microcredito
- titolo di soggiorno (solo per i cittadini extracomunitari)
- altra documentazione necessaria alla valutazione dell’istanza su richiesta dell’Assistente Sociale

Ritorna ai Servizi per le politiche sociali