Contenuto principale

Messaggio di avviso

Che cos’è


Si tratta di un contributo annuale di € 700,00 per ogni disabile minorenne riconosciuto in situazione di gravità ( articolo 3, comma 3, L.104/1992), concesso dalla Regione Toscana per il triennio 2019 – 2021. E' considerato minorenne anche il figlio che compie il diciottesimo anno d'età nell'anno di riferimento del contributo.

 Requisiti

  1. Presenza nello stesso nucleo familiare del figlio minore disabile e del genitore che presenta la domanda, con residenza entrambi in Toscana, in modo continuativo almeno dal 1° gennaio 2017 ( o dalla nascita per il figlio disabile con età uguale o inferiore a 2 anni);
  2. ISEE standard in corso di validità non superiore ad € 29,999,00;
  3. assenza, da parte del genitore che presenta domanda, di condanne con sentenza definitiva per reati di associazione di tipo mafioso, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o altra utilità di provenienza illecita di cui agli articoli 416 bis, 648 bis e 648 ter del Codice Penale;
  4. Residenza in strutture non occupate abusivamente.

Come si ottiene

La domanda su apposito modulo deve essere presentata entro il  30 giugno di ciascun anno di riferimento, dalla madre o dal padre o da chi esercita la responsabilità genitoriale sul minore disabile. Il modulo di domanda, disponibile anche presso lo Sportello FacileFIV del Comune, deve essere  riconsegnato allo stesso, corredato dall’attestazione della condizione di handicap grave.
La domanda, completa dell’attestazione di invalidità , può essere presentata anche mediante Posta Elettronica Certificata al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., o mediante spedizione a mezzo raccomandata A/R e farà fede la data del timbro di accettazione dell’ufficio postale.

Documenti da presentare

  • domanda su modulo predisposto;
  • copia di un documento valido di identità di chi sottoscrive la domanda;
  • certificazione di handicap grave (articolo 3, comma 3, L.104/1992).

Ritorna ai Servizi per le politiche sociali