Contenuto principale

Messaggio di avviso

Si informa che, in seguito alla Sentenza della Corte Costituzionale n. 166/2018,  con la quale veniva dichiarata l'illegittimità costituzionale dell'art. 11, comma  13, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 (Disposizioni urgenti per lo sviluppo  economico,  la  semplificazione,  la   competitività,   la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria), convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133, che prevedeva per stranieri  immigrati  il possesso del certificato storico di residenza da almeno dieci  anni nel territorio nazionale ovvero da  almeno  cinque  nella  medesima  Regione per accedere al beneficio di cui all’oggetto, a partire dall' 11 OTTOBRE 2018 e fino al 25 OTTOBRE 2018, è riaperto il bando per l’assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione per l'anno 2018.

NOTA BENE:

-  coloro che hanno già presentato domanda nel precedente bando e non risultano esclusi ai sensi della Determinazione del Responsabile del Servizio scrivente n. 1376 del Registro Generale del 12.09.2018 non devono ripresentarla;

- la graduatoria definitiva scaturente dal presente bando andrà ad integrare la graduatoria definitiva risultante dal precedente bando, pubblicato in data 31 maggio 2018 con Determinazione del Servizio scrivente n. 823 del Registro Generale del 29.05.2018, a formare un’unica graduatoria;

- IL RICHIEDENTE DOVRA' AUTOCERTIFICARE, PENA ESCLUSIONE DAL BANDO, DI AVER SOTTOSCRITTO, ENTRO LA DATA DI SCADENZA DEL BANDO STESSO, LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA(DSU) PER L'ATTESTAZIONE DELL'INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE), INDICANDO SUL MODULO DI DOMANDA IL NUMERO DI PROTOCOLLO ASSEGNATO (ART. 5 PUNTO 5.1 DEL BANDO).

- NON SARANNO SANABILI E PERTANTO ESCLUSE, SENZA POSSIBILITA' DI INTEGRAZIONE, LE DOMANDE PRESENTATE PRIVE DELLA FIRMA ( ART. 7 DEL BANDO).

- I CITTADINI NON APPARTENENTI ALL'UNIONE EUROPEA DEVONO PRODURRE ENTRO IL TERMINE PREVISTO  PER LA SCADENZA DEL BANDO E COMUNQUE NON OLTRE I TERMINI PREVISTI PER I RICORSI,  UNA CERTIFICAZIONE DEL LORO PAESE DI ORIGINE, TRADOTTA E LEGALIZZATA SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, RIGUARDO ALL'ASSENZA DI PROPRIETÀ, USUFRUTTO, USO E ABITAZIONE SU IMMOBILI AD USO ABITATIVO UBICATI NEL LORO PAESE, O, IN CASO DI POSSESSO, DOCUMENTAZIONE CHE NE ATTESTI L'INDISPONIBILITA'. TALE CERTIFICAZIONE DEVE ESSERE RIFERITA AD OGNI SINGOLO COMPONENTE MAGGIORENNE DEL NUCLEO FAMILIARE (ART. 5 DEL BANDO).

- COLORO CHE RISULTERANNO COLLOCATI NELLA GRADUATORIA, PER ACCEDERE AL CONTRIBUTO DOVRANNO PRESENTARE COPIA DELLE RICEVUTE DI PAGAMENTO DEL CANONE RELATIVE ALL’ANNO 2018 A  PARTIRE DAL 10 DICEMBRE 2018 ED ENTRO IL TERMINE INDEROGABILE DEL 15 FEBBRAIO 2019, PENA LA DECADENZA DEL BENEFICIO. GLI UFFICI COMUNALI NON SONO TENUTI AD ALCUNA FORMA DI SOLLECITO (ART. 11 DEL BANDO).

- I CONTRIBUTI VERRANNO LIQUIDATI FINO AD ESAURIMENTO DELLE RISORSE DISPONIBILI. LA COLLOCAZIONE IN GRADUATORIA NON COMPORTERA' QUINDI AUTOMATICAMENTE IL DIRITTO ALL'EROGAZONE  DELL'IMPORTO RICONOSCIUTO; IN CASO DI RISORSE INSUFFICIENTI IL COMUNE PROVVEDERA' ALLO SCORRIMENTO DELLE GRADUATORIE FINO AD ESAURIMENTO FONDI, COIN PRIORITA' AI CITTADINI COLLOCATI IN FASCIA A RISPETTO A COLORO COLLOCATI IN FASCIA B.